Camminare fa bene

INTO THE BLOG

Camminare fa bene

Un indice per trovare tutto in fretta!

Che camminare fa bene lo dicono tutti, medici, fisioterapisti, psicologi e psicoterapeuti… Camminare in montagna aiuta a dormire meglio, lo abbiamo già visto e contribuisce a risolvere i disturbi legati al sonno, ma non solo!

Sempre più persone si trovano a vivere circondate dal cemento, e sempre più ricercatori ci dimostrano i vantaggi di trascorrere del tempo nella natura. Questo post sul blog esplorerà i benefici dell’attività fisica all’aperto e mostrerà come anche solo 30 minuti di terapia naturale al giorno, siano uno dei modi più semplici e divertenti per migliorare la salute ed il benessere. 

I benefici di camminare

Le nostre gambe sono fatte per camminare ed è quello che dovrebbero fare. Camminare fa bene alla schiena non solo alle gambe…Indossare un paio di scarpe da trekking e intraprendere una passeggiata, ti riconnetterà con la natura e migliorerà il tuo benessere. Ma se hai bisogno di un po’ più di convinzione, continua a leggere, qui sotto ci sono ben 15 motivi per cui dovresti uscire all’aria aperta e mettere un piede davanti all’altro. 

“Vado nella natura per essere calmato, guarito e per mettere in ordine i miei sensi.” — John Burroughs, naturalista americano

1. Camminare fa bene al cuore!

Come tutti gli esercizi a corpo libero, l’escursionismo riduce il rischio di malattie cardiache. Gli studi hanno dimostrato che l’esercizio fisico può ridurre il rischio di malattie cardiache. Facendo attività fisica la circolazione migliora e il cuore diventa più forte.

camminare fa bene

Per questo, il consiglio rivolto a tutti, è di svolgere almeno 150 minuti di esercizio fisico di intensità moderata ogni settimana. Così facendo migliora il consumo di ossigeno e il cuore pompa il sangue verso i muscoli rendendoli molto più efficienti.

Man mano che la tua performance migliora, il tasso di mortalità per tutte le cause, diminuisce sensibilmente.

2. Abbassa la pressione sanguigna

Potresti avere la pressione alta e nemmeno saperlo, motivo per cui l’ipertensione viene talvolta chiamata “il killer silenzioso”. Può essere difficile individuare i sintomi e, se non trattata, può portare a gravi problemi di salute come ictus o infarto.

Cosa puoi fare per abbassare la pressione sanguigna? Camminare!

La ricerca dimostra costantemente che l’esercizio fisico è efficace quanto una dose completa di farmaci antipertensivi nel ridurre la pressione sanguigna.

3. Combatte il diabete

I dati Istat ci dicono che oltre 3,5 milioni di persone in Italia hanno il diabete, con un trend in progressivo aumento negli ultimi anni. Certo, i farmaci orali e i farmaci insulinici possono aiutare a trattare questa malattia, ma noi possiamo fare di più per combatterla!

Essere attivi infatti, aiuta a controllare i livelli di zucchero nel sangue e aumenta la sensibilità del corpo all’insulina.

L’esercizio fisico aiuta a contenere i problemi quasi al pari dell’insulina. Se per esempio una persona diabetica ha un alto livello di zucchero nel sangue, potrebbe effettivamente abbassarlo camminando.

4. Contrasta l’obesità

Tra i benefici delle camminate sicuramente tutti conveniamo sul fatto che rappresentino un allenamento per tutto il corpo, e un ottimo modo per bruciare calorie.

Per perdere peso infatti, l’obiettivo è creare un deficit calorico. In poche parole devi bruciare più calorie di quelle che consumi (sarà mica per questo che quando cammino in estate posso mangiare tutto quello che voglio senza ingrassare?)

camminare benefici contro l'obesità

Per perdere circa 1 o 2 chili a settimana, in genere, è necessario un deficit di 500 calorie al giorno. Questo può essere fatto attraverso la dieta, così come attraverso l’attività fisica. E sebbene qualsiasi forma di esercizio sia ottima, vale la pena di concentrarsi su esercizi di resistenza, come camminare in montagna, che oltre a perdere peso, aiuta a prevenire la perdita muscolare.

Il nostro corpo può bruciare i muscoli per produrre energia, ma caricando i muscoli, invia un impulso al nostro cervello che invita a bruciare i grassi, anziché i muscoli… visto che ci servono per camminare.

5. Aiuta a costruire muscoli e ossa forti

Non c’è alcun dubbio secondo la ricerca: quando ci si allena, s’influisce sulla densità ossea del nostro corpo e rallentiamo la velocità con cui il nostro organismo perde calcio, un componente vitale per avere ossa forti.

Questo è fondamentale perché invecchiando, le nostre ossa perdono naturalmente densità, portando all’osteoporosi. Dopo i 40 anni infatti, perdiamo circa l’1% della nostra densità ossea all’anno.

camminate in montagna

Fare trekking può svolgere un ruolo importante nella densità ossea, soprattutto se indossiamo uno zaino e carichiamo quindi la colonna vertebrale.

Pensa a cosa succede quando si cammina in montagna per capire come si riescono a sviluppare muscoli forti: se stai camminando in salita, i muscoli quadricipiti lavorano, e quando scenderai, quegli stessi muscoli continueranno a lavorare, solo in maniera diversa… e senza fare fatica! Fico no?

Che muscoli allena la camminata?

Potresti pensare che funzionino solo le gambe quando cammini, ma ti sbagli! Stai coinvolgendo i muscoli di tutto il corpo!

Camminare in montagna aiuta a far lavorare diversi gruppi muscolari, tra cui: 

  • Quadricipiti 
  • Bicipiti femorali
  • Glutei 
  • Polpacci
  • Muscoli delle Caviglie

Tutti questi muscoli lavorano insieme per spingerti in avanti ad ogni passo. Inoltre, anche la parte superiore del corpo lavora. Anche se apparentemente non coinvolta infatti, serve a sostenere il busto e a stabilizzare il bacino, in modo da poter rimanere in posizione eretta mentre si cammina. I flessori dell’anca, gli addominali e la schiena contribuiscono a sostenere il tuo passo e a mantenerti in posizione verticale. 

Inoltre, se muovi le braccia o indossi lo zaino mentre cammini, puoi allenare contemporaneamente, e meglio, anche la parte superiore del corpo

6. Previene e migliora l’artrite

Chi soffre di artrite, soprattutto alle ginocchia o alle anche, potrebbe avvertire dolore nel fare esercizi di vario tipo. Ma camminare in montagna è un modo semplice per aumentare la frequenza cardiaca senza stressare troppo le articolazioni.

Per portare la frequenza cardiaca ad un certo intervallo infatti, dovresti correre, e quando corri percepisci 8 volte il peso del tuo corpo. Quando cammini invece, percepisci il peso del tuo corpo solo 3 volte. Quindi, anche se stai andando a un ritmo più lento, la frequenza cardiaca aumenta ma senza avere un impatto così importante. La camminata in montagna inoltre, riduce il dolore e la rigidità mattutina nei soggetti affetti da artrite.

7. Migliora l’equilibrio e la coordinazione

Com’è il terreno durante un’escursione? Rocce, terra, fango, radici, contribuiscono a rendere il terreno irregolare. Per mantenere l’equilibrio dobbiamo essere in grado di percepire il cambiamento e adeguare il baricentro, adattandoci ai diversi tipi di terreno.

Camminare costantemente su superfici irregolari come rocce inclinate e radici di alberi, ti costringe a usare i muscoli centrali, che a loro volta ti aiutano a lavorare sul tuo equilibrio in modo naturale.

Mentre cammini lungo un sentiero, i muscoli delle gambe e del baricentro, s’impegnano e si contraggono costantemente per fornire stabilità ed equilibrio su terreni irregolari. Man mano che questi muscoli stabilizzatori si rafforzano nel tempo, l’equilibrio migliora.

Ma non sono solo i muscoli stabilizzatori a migliorare l’equilibrio. L’escursionismo aiuta anche ad aumentare la propriocezione, ovvero la consapevolezza della posizione e del movimento del corpo in relazione all’ambiente circostante . Mentre camminiamo, il cervello elabora ogni roccia e radice e valuta ciò che serve per superare gli ostacoli. Con la pratica, il cervello diventa più abile nel giudicare questi ostacoli e, di conseguenza, l’equilibrio migliora.

Man mano che invecchiamo, è davvero importante continuare a lavorare sull’equilibrio e la coordinazione, per prevenire cadute e infortuni ed avere maggiore stabilità nelle attività quotidiane. L’escursionismo è un modo divertente per migliorare l’equilibrio mentre si trascorre il tempo all’aria aperta.

8. Aumenta la vitamina D

I livelli bassi di vitamina D, sono collegati a ossa deboli e fratture, infiammazioni, rischio più elevato di diabete di tipo 2 e diversi tipi di cancro. Ma stare all’aperto, al sole anche solo per 10-15 minuti, può portare a livelli più alti di vitamina D. Vi ricordate quando eravamo chiusi in casa durante la pandemia? Tutti erano in carenza di vitamina D!

escursionisti che fanno un trekking in montagna in Trentino

È stato dimostrato che aumentare i livelli di vitamina D aiuta a ridurre il rischio di artrite reumatoide, sclerosi multipla e infarto. A un adeguato apporto di vitamina D è stato collegato anche l’aumento di energia e il miglioramento dell’umore.

9. Camminare fa bene alla memoria!

Trascorrere del tempo all’aperto porta a livelli di stress più bassi e contestualmente a livelli più elevati di concentrazione, creatività e migliore chiarezza mentale. È stato dimostrato infatti che camminare in montagna ha effetti sul cervello e sul corpo simili a quelli della meditazione. E quando il nostro cervello è libero da tutte le brutture, la nostra memoria ne trae solo grandi benefici!

foraging ricerca e raccolta di erbe spontanee commestibili nel bosco con guida
Una ragazza durante l’escursione di foraging, la raccolta delle erbe spontanee e commestibili

10. Camminare in montagna per dormire meglio

Un articolo intero ti spiegherà come il semplice camminare in montagna contribuisca a farci dormire meglio e a risolvere i disturbi legati al sonno. Fare trekking infatti allevia stress e ansia, ci permette di stare all’aria aperta e a stretto contatto con la natura, godendo dei benefici della luce solare, del respirare l’aria fresca aumentando i livelli di vitamina D.

11. Riduce ansia e stress

Ebbene sì, camminare mette di buon umore! Cieli azzurri e tersi, fiori colorati e verdi conifere. Stare nella natura è un ottimo modo per ottenere una spinta naturale alla felicità.

Molte ricerche dimostrano gli effetti dell’essere immersi nella natura. Il nostro corpo scopre che alcuni colori possono essere stressanti, mentre altri sono calmanti. Stare nella natura circondati da tanto verde, è un ottimo ambiente terapeutico.

Il verde infatti ha un effetto calmante (di che colore sono le divise dei chirurghi?) che regola l’attività parasimpatica e attenua l’attività simpatica, ossia la risposta di lotta o fuga.

Quando ci muoviamo il nostro corpo rilascia endorfine, che sono ormoni che riducono il dolore e aumentano il piacere. Anche la sensibilità alla serotonina e alla norepinefrina, ormoni che possono alleviare i sentimenti di depressione, aumenta.

passeggiata a piedi nudi nel bosco

12. Fare camminate allunga la vita!

4000 passi al giorno (3967 passi per l’esattezza), che tradotti in tempo richiedono circa 30 minuti, riducono la possibilità di morire di qualsiasi malattia, in poche parole allungano la vita.

Uno dei motivi principali motivi per cui si sviluppa una malattia o si morire in giovane età, è condurre uno stile di vita sedentarioCamminare come forma di esercizio fisico può aiutarti molto, meglio ancora se lo abbini ad una corretta alimentazione. Inoltre, è stato dimostrato che è uno dei migliori esercizi aerobici per aumentare la longevità, mantenendo sotto controllo la salute generale. 

13. Non solo a te, camminare allunga la vita anche al tuo cane

donna che beve il caffè all'alba in montagna, la sunrise experience

Recentemente ho portato Sam, il nostro cane corso, dal veterinario. Sta benissimo, ma nonostante questo ci tenevo a farle fare una visita di controllo per assicurarmi che stesse veramente bene. Il veterinario la osserva, la visita, le ascolta il cuore, la respirazione, le misura la pressione sanguigna. Finita la visita mi guarda ed esordisce con un: “La visita è gratuita, solitamente consigliamo di fare gli esami del sangue, delle feci e delle urine, ma ritengo che Sam non ne abbia proprio bisogno, sta troppo bene”.

Continua dicendomi che nonostante Sam abbia 8 anni, un traguardo per questo tipo di cane grande e pesante, davvero importante, non presenta assolutamente alcun problema, mi raccomanda solo di fare attenzione al suo peso forma. Per i cani grandi infatti 8 anni rappresentano 74 anni umani… 74!!

Ragazzi, il cuore era perfetto, la respirazione era perfetta, la pressione era ottima! A quel punto lo guardo e chiedo: “Ma può essere merito della vita che Sam conduce? Escursioni in montagna tutti i giorni, attività fisica regolare?” Il veterinario conferma.

Hai un cane? Rendilo partecipe della tua vita e sfrutta il suo bisogno di movimento per incentivarti a fare camminate in montagna. Ne gioverete entrambi, vivendo una vita più sana e più longeva!

14. L’escursionismo migliora la tua resistenza 

Questo vale più per gli escursionisti costanti che per gli escursionisti occasionali. L’escursionismo regolare migliora la tua resistenza e, poiché di esercizio si tratta, come dicevamo prima può migliorare la salute cardiovascolare. Col tempo, il tuo corpo sarà in grado di affrontare escursioni più difficili o affrontare escursioni meno impegnative con maggiore facilità.

escursionisti in montagna

15. Camminare in montagna ti fa vivere il presente

Invece di perderti nel mondo dei social media, fare escursioni all’aperto ti costringe ad essere più presente. L’escursionismo ti mette in contatto con altre persone che la pensano come te, che amano la vita all’aria aperta. Non c’è niente come raggiungere la vetta con gli amici, vecchi e nuovi. 

team building per aziende
Team Building organizzato da un’azienda per rafforzare i rapporti e la collaborazione tra i dipendenti – Estate 2023

Se ti piace la compagnia quando sei all’aria aperta, unirti a un gruppo di avventurieri in una passeggiata nella natura, aiuta a creare alcuni dei momenti migliori per chiacchierare, legare e riconnettersi…fisicamente in questo caso! Non solo creare nuove connessioni o rafforzare le amicizie, anche i legami familiari esistenti che tendiamo a trascurare a causa di questa vita frenetica!

Ti abbiamo convinto che camminare fa bene? Noi pensiamo di sì!

Ti aspettiamo in escursione!